Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Gst assistenza macchine industriali bergamo. Impianti elettrici industriali castelfranco emilia modena. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Quadri elettrici di distribuzione voltimum italia. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Alimentare esternamente una radio a batterie pag il. Schemi impianti elettrici industriali seico. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Introduzione agli schemi elettrici industriali. Maselli impianti automazioni industriali progettazione.

Simbologia elettrica industriale pannelli termoisolanti. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Schemi elettrici industriali gli. Gst aggiornamento schemi elettrici bergamo. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Applicazioni elettrotecniche l importanza della. Schema collegamento bobina di sgancio abb l autoritenuta. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Simboli schemi elettrici automazione pannelli termoisolanti. Meccatronica simboli e schemi elettrici. Schemi elettrici applyca. Progettazione e capitolati. Introduzione agli schemi elettrici industriali e. Schemi elettrici macchine industriali materasso came.

In un circuito elettrico viene spesa energia elettrica, prodotta da un generatore, per far funzionare un dispositivo: per esempio, una lampadina. Lenergia spesa è energia potenziale elettrica, trasportata dalle cariche, che viene trasformata in altre forme di energia (calore e luce nel caso della lampadina).

I vari elementi di un circuito possono essere collegati in svariati modi, ma di questi i più frequenti sono il collegamento in serie e il collegamento in parallelo. Due conduttori collegati in serie sono attraversati dalla stessa corrente, in successione, mentre in due conduttori collegati in parallelo la corrente si divide in due rami, per poi riunirsi dopo aver percorso i due conduttori. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie tutti gli elementi devono funzionare contemporaneamente, mentre in un circuito in parallelo è possibile aprire una parte di circuito, mentre la restante parte continua a funzionare. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie, se brucia un elemento del circuito questo si apre e non circola più corrente; per questo motivo nei circuiti domestici i collegamenti sono in parallelo.

Le due leggi di Ohm non valgono soltanto per i conduttori ma, sia pure con qualche approssimazione, anche per gli isolanti. Dal valore della resistività di un materiale si ricava la sua capacità di condurre elettricità: così, per un buon conduttore i valori di resistività vanno da 10-8 a 10-5m, mentre per un buon isolante devono essere tra a 1011 e 1017m; certe sostanze con caratteristiche intermedie, i semiconduttori, hanno valori intermedi di resistività. La resistività dei conduttori cresce con la temperatura secondo una legge lineare. A temperature prossime allo zero assoluto (-273 °C = 0 K) la resistività assume in genere valori molto bassi, ma per alcuni materiali, detti superconduttori, la resistività a temperature molto basse si arresta bruscamente.

In questo laboratorio iniziamo innanzitutto a prendere dimestichezza con queste strutture: introduciamo i componenti fondamentali di un circuito, i generatori di differenza di potenziale (spesso abbreviata in “d.d.p.”) e gli elementi resistivi. Ricordiamo che un conduttore a cui viene applicata una differenza di potenziale elettrico $\Delta V$, infatti, viene percorso da una corrente di intensità $I$: queste due grandezze sono legate dalla prima legge di Ohm, secondo la quale$$ R \ I = \Delta V$$dove la lettera $R$ rappresenta la resistenza offerta dal conduttore.