Schema cablaggio rj cat liberi pensieri lan e. Cfpmanfredini cfp manfredini settore energie. Schema cablaggio rimorchio fare di una mosca. Tutorial su arduino facciamo lampeggiare due led. Planet technology networking ip wireless lan power over. Specifiche cavi di rete wordart. Handleiding pioneer avic f bt pagina van. Schema elettrico per plastico ferroviario diorama. Schema di cablaggio diretto rj secondo lo standard eia. Un nuovo carputer basato su eeepc. Schema elettrico chiusura centralizzata fiat punto serie. File null modem xon xoff svg wikimedia commons. Automazione cfp manfredini settore energie. File euglena schema svg wikimedia commons. Schema cablaggio rj fare di una mosca.

Schema cablaggio dali fare di una mosca. Schema cablaggio presa rj come realizzare un cavo. Quadri elettrici. Schema cablaggio presa rj come realizzare un cavo. Schema cablaggio les paul fare di una mosca. Mototopo autogatto fai da te faretti aggiuntivi. Schema elettrico chiusura centralizzata fiat punto serie. File schema di una lan wikipedia. Schema cablaggio presa rj come realizzare un cavo. Schema cablaggio vespa fare di una mosca. Schéma — wikipédia. Schema cablaggio rj cat liberi pensieri lan e. Proteggi il tuo impianto sartori trade telecomunicazioni. Wutel schemi elettrici fv a volt. Impianto elettrico wikipedia.

I vari elementi di un circuito possono essere collegati in svariati modi, ma di questi i più frequenti sono il collegamento in serie e il collegamento in parallelo. Due conduttori collegati in serie sono attraversati dalla stessa corrente, in successione, mentre in due conduttori collegati in parallelo la corrente si divide in due rami, per poi riunirsi dopo aver percorso i due conduttori. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie tutti gli elementi devono funzionare contemporaneamente, mentre in un circuito in parallelo è possibile aprire una parte di circuito, mentre la restante parte continua a funzionare. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie, se brucia un elemento del circuito questo si apre e non circola più corrente; per questo motivo nei circuiti domestici i collegamenti sono in parallelo.

Nella parte restante di questa voce si utilizzerà la dizione "circuito elettrico" esclusivamente per indicare un modello matematico. Il livello di dettaglio del modello matematico dipenderà dal tipo di risultati che siamo interessati ad ottenere. Per ovvi motivi, dato un sistema fisico, si cercherà il modello più semplice compatibilmente con i risultati desiderati: si utilizzeranno quindi modelli puramente lineari ove possibile, ben sapendo che componenti fisici puramente lineari non esistono, purché si sia sicuri che nel campo di funzionamento cui siamo interessati tutti i componenti del nostro modello si comportino in modo ragionevolmente lineare.

Un circuito elettrico fisico potrà quindi corrispondere a diversi circuiti elettrici (intesi come modello matematico) sia in funzione della precisione che si vuole raggiungere nella rappresentazione del circuito fisico, sia del campo di variabilità che ci si aspetta per le grandezze elettriche del circuito fisico. Similmente ad un circuito elettrico potranno corrispondere diversi circuiti fisici, in funzione, per esempio, della precisione con cui si vuole replicare il comportamento previsto dal modello matematico.

Per misurare lintensità della corrente in un circuito si usa uno strumento chiamato amperometro, mentre per misurare la differenza di potenziale tra due punti di un circuito si usa un voltmetro. Naturalmente, per misurare lintensità di corrente occorre che lamperometro alteri il meno possibile la corrente che fluisce nel circuito, quindi che abbia una resistenza molto bassa. Analogamente, perché un voltmetro alteri il meno possibile la potenza del circuito di cui deve misurare la differenza di potenziale, occorre che la sua resistenza sia relativamente alta.