Fili collegamento elettrico hm elettronica moto cc. Tutti fuori vespa special. Impianto elettrico crf originale honda. Impianto elettrico semplificato solo fari e stop come. Schema elettrico beta rr cataloghi manuali esplosi. Schema impianto elettrico hm tracking. Impianto elettrico aprilia rx del elettronica moto. Forum tecnico aiuto su impianto luci cre r del. Schemi elettrici. Chiarimenti impianto elettrico hm derapage rr. Schema impianto elettrico hm tracking. Schema impianto elettrico hm tracking. Schema elettrico hm six fare di una mosca. Schema elettrico hm derapage six info filo della corrente. Schema elettrico hm derapage six info filo della corrente.

Vespa forum tecnica restauro archivio enciclopedia messaggi. Impianto elettrico mvt premium strumentazione stage. Meraviglioso immagine riguardo a schema elettrico hornet. Schema elettrico hm six fare di una mosca. Allumage mvt dd sur hm electricité forum scooter system. Collegamento contachilometri. Schema elettrico vespa pk s impianti elettrici. Impianto elettrico kx motard supermotard da cc. Chiarimenti impianto elettrico hm derapage rr. Schema elettrico vespa special smemorando. Schema elettrico aprilia rx fare di una mosca. Schema impianto elettrico ducati scrambler cc e. Schema elettrico vespa vsa v b. Impianto elettrico cagiva t r schemi elettrici. Ventola di raffreddamento artigianale su ktm exc daidut.

Lunità di misura della potenza è il watt (simbolo W) pari a 1 joule al secondo. Una lampadina che consuma 100 W, consuma 100 J in 1 s. Ma per dare unindicazione completa del consumo, gli apparecchi elettrici devono fornire anche il valore dellintensità della corrente alla quale il dispositivo funziona. In un circuito alimentato da una tensione di 220 V (come nei circuiti domestici), una lampadina da 100 W è percorsa da una corrente di 0,45 A. Dalla relazione P = VI si ricava che 1 W = 1 V . 1 A, dunque un dispositivo elettrico assorbe una potenza di 1 W se in esso circola una corrente di 1 A quando ai suoi estremi è applicata una differenza di potenziale di 1 V. Nel caso della lampadina da 100 W, si ha quindi:

Un circuito elettrico fisico potrà quindi corrispondere a diversi circuiti elettrici (intesi come modello matematico) sia in funzione della precisione che si vuole raggiungere nella rappresentazione del circuito fisico, sia del campo di variabilità che ci si aspetta per le grandezze elettriche del circuito fisico. Similmente ad un circuito elettrico potranno corrispondere diversi circuiti fisici, in funzione, per esempio, della precisione con cui si vuole replicare il comportamento previsto dal modello matematico.

Ad un circuito possiamo collegare diversi dispositivi, in grado di sfruttare la forza elettromotrice per mettere in funzione lampadine, motori, cicalini e piccoli radiatori, mostrando l’incredibile flessibilità dell’energia elettrica, capace di trasformarsi in energia luminosa, cinetica o termica.

Quindi, un circuito in cui circola una corrente di intensità I e ai cui estremi viene applicata una differenza di potenziale V consuma una potenza P = VI.