Schema elettrico chiusura centralizzata fiat punto serie. Creazione di schemi elettrici riccione. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Introduzione agli schemi elettrici industriali. Schemi elettrici. Brt system schemi elettrici. Schemi elettrici. Relè intermittenza frecce fiat bravo golf fbr ricambi. Progettazione quaini. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Schemi elettrici synergy automazioni. Tutorial metodo di lettura schemi elettrici mercedes e. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Banca dati auto autronica multimedia. Schemi elettrici cinquini brianzoli.

Meccatronica simboli e schemi elettrici. Schemi elettrici. Schema elettrico chiusura centralizzata fiat punto serie. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Simboli schemi elettrici automazione pannelli termoisolanti. Introduzione agli schemi elettrici industriali. Registrato il. Schemi elettrici. Passare da v a vb su pde pagina. Tutorial metodo di lettura schemi elettrici gruppo vag. Schema impianto elettrico ducati scrambler cc e. Prototipi synergy automazioni. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Schemi elettrici auto. Tutorial sul metodo di lettura degli schemi elettrici c.

Poiché il watt è una misura relativamente bassa (una lampadina consuma in media 60 W, un aspirapolvere domestico 800 W), in genere si usano dei multipli di questa grandezza, come il kilowatt, dove 1 kW= 1000 W (per valutare i consumi negli impianti domestici si usano i kilowattora, kWh, che misurano la potenza consumata dal circuito in 1 ora), oppure i megawatt (1 MW= 1.000.000 W, lordine di grandezza della potenza prodotta in una centrale elettrica), o i gigawatt (1 GW = 1 miliardo di watt).

Quando i conduttori di un circuito sono collegati tra loro in modo continuo (cioè se non vi sono interruzioni nel percorso delle cariche), il circuito si dice chiuso. Se la corrente si interrompe anche in un solo punto, il circuito è aperto. In un circuito aperto la corrente non circola.

Per misurare lintensità della corrente in un circuito si usa uno strumento chiamato amperometro, mentre per misurare la differenza di potenziale tra due punti di un circuito si usa un voltmetro. Naturalmente, per misurare lintensità di corrente occorre che lamperometro alteri il meno possibile la corrente che fluisce nel circuito, quindi che abbia una resistenza molto bassa. Analogamente, perché un voltmetro alteri il meno possibile la potenza del circuito di cui deve misurare la differenza di potenziale, occorre che la sua resistenza sia relativamente alta.

La seconda legge di Ohm stabilisce che se a parità di materiale si fanno variare la lunghezza L e la sezione S del conduttore, la resistenza R del conduttore è proporzionale al rapporto L/S: