Anima guzzista http forum animaguzzista leggi. Schemi elettrici applyca. Anima guzzista http forum animaguzzista leggi. Anima guzzista http forum animaguzzista leggi. Anima guzzista http forum animaguzzista leggi. Schemi elettrici. Schwinn speranza moto zombdrive com recensione. Schemi elettrici industriali gli. Schemi elettrici. Schemi elettrici synergy automazioni. Schemi elettrici. Schemi elettrici. Schemi elettrici vespa. Le mitiche v. Index of rec moto userman vespa schemi elettrici.

Schemi elettrici. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Anima guzzista http forum animaguzzista leggi. Impianto elettrico romeo scorpion p. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Homemade two stroke special bikes leggi argomento. Schema elettrico guzzi touring v. Schemi elettrici synergy automazioni. Meccatronica simboli e schemi elettrici. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Schemi elettrici vespa. Schema elettrico ape tm piaggio. Introduzione agli schemi elettrici industriali. Schemi elettrici.

I vari elementi di un circuito possono essere collegati in svariati modi, ma di questi i più frequenti sono il collegamento in serie e il collegamento in parallelo. Due conduttori collegati in serie sono attraversati dalla stessa corrente, in successione, mentre in due conduttori collegati in parallelo la corrente si divide in due rami, per poi riunirsi dopo aver percorso i due conduttori. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie tutti gli elementi devono funzionare contemporaneamente, mentre in un circuito in parallelo è possibile aprire una parte di circuito, mentre la restante parte continua a funzionare. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie, se brucia un elemento del circuito questo si apre e non circola più corrente; per questo motivo nei circuiti domestici i collegamenti sono in parallelo.

Nel caso di un campo elettrico E, il lavoro delle forze elettriche per trasferire la carica q dallinizio alla fine di un conduttore di lunghezza s, tra i cui estremi esiste una differenza di potenziale V, è dato da:

Per misurare lintensità della corrente in un circuito si usa uno strumento chiamato amperometro, mentre per misurare la differenza di potenziale tra due punti di un circuito si usa un voltmetro. Naturalmente, per misurare lintensità di corrente occorre che lamperometro alteri il meno possibile la corrente che fluisce nel circuito, quindi che abbia una resistenza molto bassa. Analogamente, perché un voltmetro alteri il meno possibile la potenza del circuito di cui deve misurare la differenza di potenziale, occorre che la sua resistenza sia relativamente alta.

Le due leggi di Ohm non valgono soltanto per i conduttori ma, sia pure con qualche approssimazione, anche per gli isolanti. Dal valore della resistività di un materiale si ricava la sua capacità di condurre elettricità: così, per un buon conduttore i valori di resistività vanno da 10-8 a 10-5m, mentre per un buon isolante devono essere tra a 1011 e 1017m; certe sostanze con caratteristiche intermedie, i semiconduttori, hanno valori intermedi di resistività. La resistività dei conduttori cresce con la temperatura secondo una legge lineare. A temperature prossime allo zero assoluto (-273 °C = 0 K) la resistività assume in genere valori molto bassi, ma per alcuni materiali, detti superconduttori, la resistività a temperature molto basse si arresta bruscamente.