Tutorial schemi elettrici gruppo fiat doovi. Schemi elettrici. Disegni industriali. Schemi elettrici. Istruzioni modifiche schema elettrico vespa px. Schemi elettrici synergy automazioni. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Schemi elettrici nvf mf. Schemi elettrici nvf mf. Ispiratrice carta da parati oltre schema elettrico. Casa immobiliare accessori schema citofono. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Banca dati auto autronica multimedia. Schemi elettrici. Impianto elettrico domotico schema.

Schemi elettrici modellismo ferroviario trenini. Gps tracker localizzatore satellitare open source per. Schemi elettrici. Come installare un citofono. Brt system schemi elettrici. Schemi elettrici. Telecomando per webasto defendertricks. Schemi elettrici vespa. Schemi elettrici. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Introduzione agli schemi elettrici industriali. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Schemi elettrici. Forum vespa piaggio vespaforum e mercatino di. Sipi ingegneria lavori eseguiti.

In un circuito con più resistori collegati in serie (disposti luno di seguito allaltro) lintensità della corrente è la stessa in ogni punto del circuito, mentre la differenza di potenziale del circuito è pari alla somma delle differenze di potenziale ai lati dei resistori; per un circuito composto da n resistori (e percorso dalla corrente I) la differenza di potenziale, per la prima legge di Ohm, sarà data da:

Lunità di misura della resistenza elettrica nel Sistema Internazionale è lohm, (simbolo ). Si dice che un conduttore presenta una resistenza di 1 ohm se, sottoposto alla tensione di 1 volt, è percorso da una corrente di 1 ampere:

Si chiama resistore un conduttore che segue la prima legge di Ohm (V = RI). Poiché ogni resistore è caratterizzato da un determinato valore di resistenza, i resistori vengono spesso chiamati impropriamente "resistenze". I resistori sono componenti fondamentali dei circuiti elettrici e, come gli altri elementi del circuito, possono venire collegati in serie o in parallelo (v. fig. 17.2).

Poiché il watt è una misura relativamente bassa (una lampadina consuma in media 60 W, un aspirapolvere domestico 800 W), in genere si usano dei multipli di questa grandezza, come il kilowatt, dove 1 kW= 1000 W (per valutare i consumi negli impianti domestici si usano i kilowattora, kWh, che misurano la potenza consumata dal circuito in 1 ora), oppure i megawatt (1 MW= 1.000.000 W, lordine di grandezza della potenza prodotta in una centrale elettrica), o i gigawatt (1 GW = 1 miliardo di watt).