Schema elettrico vespa pk xl gt vendita ricambi e. Impianto elettrico vespa r l n faro tondo. Schema impianto elettrico special tecnica generale. Elegante costruzione pertinente a schema elettrico vespa. Kb. Regione campania. Forum vespa piaggio vespaforum e mercatino di. Adattare statore special su et elaborazioni telai. Impianto elettrico con schema di montaggio vespa. Vespa scooter piaggio archivio forum e mercatino sulla. Regolatore di tensione per px quale prendo tuning. Motore vespa. Statore hp su et come collegare i fili elaborazioni. Schema elettrico vespa pk s impianti elettrici. Tutti fuori vespa special.

Schemi elettrici. Impianto elettrico schema vespa vb vl struzzo. Impianto elettrico vespa vna problema elaborazioni e. Forum vespa piaggio vespaforum e mercatino di. Schema impianto elettrico vespa vsa bobina interna. Vespacluborsogrigio. Adattare statore special su et elaborazioni telai. Vespa e basta le luci sulle vespe small frame su buona. Schema elettrico vespa px vnx t gt vendita ricambi. Schema impianto elettrico special tecnica generale. Impianto elettrico schema vespa gs vsb t telaio. Problema luci vespa r elettrica ed elettronica et. Schema elettrico vespa e primavera club. Impianto elettrico per vespa special vespatime. Vespacluborsogrigio.

Lunità di misura della potenza è il watt (simbolo W) pari a 1 joule al secondo. Una lampadina che consuma 100 W, consuma 100 J in 1 s. Ma per dare unindicazione completa del consumo, gli apparecchi elettrici devono fornire anche il valore dellintensità della corrente alla quale il dispositivo funziona. In un circuito alimentato da una tensione di 220 V (come nei circuiti domestici), una lampadina da 100 W è percorsa da una corrente di 0,45 A. Dalla relazione P = VI si ricava che 1 W = 1 V . 1 A, dunque un dispositivo elettrico assorbe una potenza di 1 W se in esso circola una corrente di 1 A quando ai suoi estremi è applicata una differenza di potenziale di 1 V. Nel caso della lampadina da 100 W, si ha quindi:

I vari elementi di un circuito possono essere collegati in svariati modi, ma di questi i più frequenti sono il collegamento in serie e il collegamento in parallelo. Due conduttori collegati in serie sono attraversati dalla stessa corrente, in successione, mentre in due conduttori collegati in parallelo la corrente si divide in due rami, per poi riunirsi dopo aver percorso i due conduttori. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie tutti gli elementi devono funzionare contemporaneamente, mentre in un circuito in parallelo è possibile aprire una parte di circuito, mentre la restante parte continua a funzionare. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie, se brucia un elemento del circuito questo si apre e non circola più corrente; per questo motivo nei circuiti domestici i collegamenti sono in parallelo.

dove la costante di proporzionalità , che dipende dal materiale con cui è fatto il conduttore, prende il nome di resistività e indica lattitudine di un materiale a condurre la corrente elettrica, riferita a un campione di sezione e di lunghezza unitari.

Si chiama resistore un conduttore che segue la prima legge di Ohm (V = RI). Poiché ogni resistore è caratterizzato da un determinato valore di resistenza, i resistori vengono spesso chiamati impropriamente "resistenze". I resistori sono componenti fondamentali dei circuiti elettrici e, come gli altri elementi del circuito, possono venire collegati in serie o in parallelo (v. fig. 17.2).