Schemi elettrici industriali gli. Banca dati auto autronica multimedia. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Schemi elettrici industriali gli. Schemi elettrici. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Draft solid edge novasystem. Schemi elettrici macchine industriali materasso came. Schemi elettrici. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Creazione di schemi elettrici riccione. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Brt system schemi elettrici. Progettazione quaini. Schemi elettrici applyca.

Disegno di schemi elettrici sul forum electroyou. Schema impianto elettrico ducati scrambler cc e. Meccatronica simboli e schemi elettrici. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Progettazione « egs engineering global service. F archivio progettazioneschemi elettricischemi. Schemi elettrici. Introduzione agli schemi elettrici industriali. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Creazione di schemi elettrici riccione.

Le leggi che governano circuiti di questo tipo vanno sotto il nome di principi di Kirchhoff, dal nome dello scienziato tedesco che ne enunciò la forma matematica.

Lunità di misura della potenza è il watt (simbolo W) pari a 1 joule al secondo. Una lampadina che consuma 100 W, consuma 100 J in 1 s. Ma per dare unindicazione completa del consumo, gli apparecchi elettrici devono fornire anche il valore dellintensità della corrente alla quale il dispositivo funziona. In un circuito alimentato da una tensione di 220 V (come nei circuiti domestici), una lampadina da 100 W è percorsa da una corrente di 0,45 A. Dalla relazione P = VI si ricava che 1 W = 1 V . 1 A, dunque un dispositivo elettrico assorbe una potenza di 1 W se in esso circola una corrente di 1 A quando ai suoi estremi è applicata una differenza di potenziale di 1 V. Nel caso della lampadina da 100 W, si ha quindi:

Il valore dellintensità della corrente in presenza di una certa differenza di potenziale dipende dal mezzo entro cui la corrente scorre. Questo significa che la relazione tra differenza di potenziale e corrente circolante non è uguale per tutti i conduttori, ma varia da conduttore a conduttore.

Quindi, un circuito in cui circola una corrente di intensità I e ai cui estremi viene applicata una differenza di potenziale V consuma una potenza P = VI.