Bottega dei plastici come realizzare un impianto. Introduzione agli schemi elettrici industriali. Impianti elettrici schemi affordable deviatoi con. Tutorial metodo di lettura schemi elettrici mercedes e. Csn plastico digitale automatizzato modellismo ferroviario. Schemi elettrici synergy automazioni. Schemi elettrici industriali guida agli di base. Banca dati auto autronica multimedia. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Il plastico sospeso daniele ferroviario epoca. Treni elettrici treno notte con e fs youtube. Schemi elettrici industriali gli. Vapore e treni elettrici fotografia editoriale immagine. Schemi elettrici. Disegno di schemi elettrici sul forum electroyou.

Sistema automatico per treni con reed modelside. Schemi elettrici gestione semaforo su tratta bin. Treni che passione archive schemi elettrici. Schemi elettrici. Schemi elettrici. Progettazione quaini. Http webalice. Draft solid edge novasystem. Sintetizzatore documentazione. Balduzzi automazioni clusone bergamo quadri e. Schemi elettrici. Impianti elettrici schemi affordable deviatoi con. Meccatronica simboli e schemi elettrici. Treni che passione archive schemi elettrici. Sud est i nuovi treni elettrici che pendolari non.

Se lo studio dei fenomeni elettromagnetici richiede in generale luso delle equazioni di Maxwell, il modello a parametri concentrati permette la riduzione di queste equazioni alle ben più semplici leggi di Kirchhoff (v. Gustav Robert Kirchhoff). Utilizzando queste leggi unitamente alle leggi costitutive dei componenti elettrici è possibile definire dei metodi di analisi che permettono di calcolare la soluzione del circuito (cioè il valore, per ogni istante di tempo, delle grandezze elettriche in ogni punto del circuito).

Le leggi che governano circuiti di questo tipo vanno sotto il nome di principi di Kirchhoff, dal nome dello scienziato tedesco che ne enunciò la forma matematica.

I vari elementi di un circuito possono essere collegati in svariati modi, ma di questi i più frequenti sono il collegamento in serie e il collegamento in parallelo. Due conduttori collegati in serie sono attraversati dalla stessa corrente, in successione, mentre in due conduttori collegati in parallelo la corrente si divide in due rami, per poi riunirsi dopo aver percorso i due conduttori. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie tutti gli elementi devono funzionare contemporaneamente, mentre in un circuito in parallelo è possibile aprire una parte di circuito, mentre la restante parte continua a funzionare. In un circuito i cui elementi sono collegati in serie, se brucia un elemento del circuito questo si apre e non circola più corrente; per questo motivo nei circuiti domestici i collegamenti sono in parallelo.

Quindi, un circuito in cui circola una corrente di intensità I e ai cui estremi viene applicata una differenza di potenziale V consuma una potenza P = VI.